Reiki

Reiki, una parola che affascina, qualcosa che evoca un mondo vicino e lontano allo stesso tempo. Reiki, per molti una possibilità dietro l’angolo, per chi aspetta il momento giusto per approcciarsi a questa disciplina, magari quando si viene a sapere di un posto dove si tengono serate e quel luogo non è poi così lontano da dove si abita.

Tante persone vorrebbero approfondire l’argomento, forse perché fin da bambini si sono domandati se la vita fosse tutta qui, se quello di cui si è fatti sia solo la loro parte fisica o qualcos’altro meriterebbe di essere conosciuto e portato in superficie. Qualcun’altro si è stupito di qualche sua capacità energetica, in qualche frangente della sua vita si è accorto di essere stato di aiuto a qualcuno, proprio nel momento in cui ha avvertito in se 

un particolare “stato di grazia”, dove i pensieri positivi hanno coinciso con uno stato di benessere fisico ottimale, dove si è stati capaci di dare amore incondizionato senza chiedere nulla in cambio. Momenti in cui si è realizzata l’importanza di “stare in amore” e tutto quello che si è voluto nella vita era di vivere solo per questo.

Potrebbero sembrare momenti lontani, cose da bambini, poi la vita ci ha portato nel vortice di abitudini spesso alienanti, la nostra energia si è canalizzata in comportamenti utili solo per la sopravvivenza e tutte le nostre migliori intenzioni di essere persone migliori si sono volatizzate.

Ma questa parola “Reiki” ogni tanto appare, passa su qualche sito web, ci viene a dire che quello che abbiamo lasciato in un angolo potrebbe essere approfondito e capito meglio.

Forse non tutto deve continuare ad andare avanti senza una nostra partecipazione consapevole, potrebbe anche succedere che è arrivato il momento di concedersi una possibilità ed il momento giusto sia arrivato. Partecipare ad una serata di scambio Reiki e magari intraprendere un percorso di evoluzione personale.